Benvenuti nel magnifico mondo di una che avrebbe voluto fare la disegnatrice

El sueño de la razón produce monstruos

Per almeno un paio d’anni della mia vita, sono stata ossessionata dagli incubi. Ma non miei, proprio dall’incubo come entità. Ne ho studiato ogni aspetto, anche a livello strettamente psicologico, ho fatto ricerche cinematografiche e pittoriche interessantissime, che mi hanno portata a scoprire quanto di reale ci sia in ciò che crediamo sia solo fantasia. Perchè la mente umana fa dei gran brutti scherzi, a volte. Tant’è che ho impostato la mia tesi di laurea proprio su quello. Una notte non riuscivo a dormire e la tv non sembrava aiutarmi a trovare un pò di pace. Così ho ripreso uno schizzo inizia la mattina stessa e sono rimasta a fissarlo per almeno mezz’ora, senza vedere nulla. La luce però era accesa.

Di punto in bianco ho deciso che avrei coperto tutto ciò che non riuscivo a visualizzare nella mia mente. Ho deciso che ciò che non si vedeva, poteva anche non asistere, almeno sul foglio. Quando ho finito, non ho nemmeno perso un solo secondo a controllare il risultato, e mi sono addormentata con la matita ancora stretta in mano. La mattina dopo, mia madre mi ha chiesto se avessi avuto un incubo, osservando di sfuggita quel foglio imbrattato, ancora appoggiato sulle mie lenzuola.

Se ho avuto un incubo, quella notte, non lo ricordo. Ma ricordo di aver pensato che forse, tutte quelle tenebre, associate a me stridevano un pò troppo.

”Se credi intensamente in qualcosa, chi può dire se è reale o no?” – Franklyn

Annunci
Questa voce è stata pubblicata il 27 marzo 2012 alle 22:09 ed è archiviata in accademia, bozzetti, cose così, incubi. Aggiungi il permalink ai segnalibri. Segui tutti i commenti qui con il feed RSS di questo articolo.

3 pensieri su “El sueño de la razón produce monstruos

  1. miononnoincarriola in ha detto:

    Mamma mia, io invece ricordo tutti i sogni. E quello di questa notte era terribile, a dir poco.

    • Di solito anche io. Ho avuto anche un breve periodo nel quale ricordavo cose, senza capire se fossero davvero successe, o se me le fossi solo sognate.

      Per la cronaca si chiama ”stato alterato di coscienza”…..a volte capita.
      Inquietantissimo!

  2. Anonimo che inizia con la M in ha detto:

    Liberazione!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: